Martedì 5 giugno, a La Tela Tiziana Viganò presenta “Noi e il Sessantotto”

www.lindiependente.it

Uno sguardo rivolto a quanto avvenuto mezzo secolo fa. Cosa è rimasto di quegli anni e come sono cambiate le persone. Per la rassegna “Incontro con l’autore”, l’osteria sociale La Tela di Rescaldina (MI) ospita martedì 5 giugno (ore 21) Tiziana Viganò curatrice del libro “Noi e il Sessantotto” di recentissima pubblicazione con Macchione Editore. In una serata fatta di letture, delle musiche di Renato Franchi e dell’intervento dell’artista Tiziano Riverso che realizzerà un quadro in diretta, si volgerà lo sguardo a 50 anni fa, andando a leggere cosa è stato il Sessantotto e cosa ne è rimasto. Del resto, il Sessantotto è mito e simbolo: un modello che va preso con la giusta dose di senso critico e con la capacità di vederne lucidamente i limiti, ma che rappresenta ideali intramontabili per l’essere umano e per la società. Un mito potente da suscitare emozioni contrastanti e opposte; un simbolo di un desiderio di cambiamento che fu talmente intenso da coinvolgere e mettere in movimento un’intera generazione di giovani con una passione totale e pervasiva, come raramente si è visto e come, sicuramente, non si è più visto da allora. Scopo del libro è raccontare le storie della gente comune, negli anni dal 1968 al 1978, storie private che si innestano nel collettivo, di ragazzi e ragazze che vivevano la vita di tutti i giorni e avevano esperienze diverse a seconda del contesto sociale, della città, dello studio, del lavoro. In “Noi e il Sessantotto”, Viganò ha raccolto scrittori che hanno vissuto quel periodo e giovani che lo guardano con gli occhi di chi vive oggi: storie quotidiane, a volte rumorose, a volte riservate di una rivoluzione culturale basata sugli ideali e sulla passione di viverli.
Inizio alle 21, ingresso libero.

Laureata in Lettere Moderne, redattrice e iconografa per molti anni, Tiziana Viganò ha lavorato nel campo della psicologia, della comunicazione e della medicina naturale, studiando a fondo i rapporti tra mente e corpo. Appassionata di cultura, arte e letteratura, scrive da sempre: ha pubblicato saggi e articoli, trovando nuovi spazi nella narrativa. È attiva nel volontariato sociale a favore delle donne. Nel 2014 è stata nominata “Ambasciatrice di Pace” dalla Women’s Federation for World Peace, ong accreditata alle Nazioni Unite che è attiva in 120 paesi del mondo in campo sociale, educativo e culturale al fine di contribuire a diffondere la cultura della Pace e il rispetto dei diritti umani secondo le direttive dell’ONU. Nel 2012 pubblica la raccolta di 12 racconti “Come le donne” (edizioni Monti) con cui ha vinto il Premio Internazionale Nuove Lettere, sezione Narrativa, dell’Istituto Italiano di Cultura di Napoli; nel 2013 partecipa all’antologia con opere di dodici scrittori “Una rondine sul filo” (Marco Del Bucchio Editore). Con il giallo “Mal di psiche mal di cuore” nel 2012 ha vinto il premio speciale nel XXV concorso “Borgo degli artisti” di Milano. Nel 2016 ha pubblicato “Sinfonia nera in quattro tempi” e a marzo 2017 “L’onda lunga del Titanic” (Macchione editore), illustrato con foto storiche del Titanic e un servizio fotografico su Varenna. È autrice di due blog: http://tizianavigano.blogspot.it e http://ilgiustoeilgusto.blogspot.it.

La Tela è un bene sequestrato alla criminalità organizzata, affidato al Comune di Rescaldina e gestito dalla Cooperativa ARCADIA insieme con altre associazioni del territorio. È diventato ristorante e centro di aggregazione e di promozione sociale e culturale.

Info: Osteria sociale del buon essere “La Tela” Strada Saronnese, 31 Rescaldina (MI)
cell. 328 6845452
www.osterialatela.it
Facebook:  https://www.facebook.com/osterialatela/

Tags dell’articolo
, , ,
Uno sguardo rivolto a quanto avvenuto mezzo secolo fa. Cosa è rimasto di quegli anni e come sono cambiate le persone. Per la rassegna “Incontro con l’autore”, l’osteria sociale La Tela di Rescaldina (MI)...
" />